Loading the Elevenlabs Text to Speech AudioNative Player...

9 verità sulla tendinopatia che DEVI conoscere

Lettura di 3 min. Postato in Tendine
Scritto da Dr. Peter Malliaras info

Ci sono molte cose che non sappiamo sulla tendinopatia, ma ci sono alcune verità imprescindibili che dovreste conoscere come clinici e pazienti (i riferimenti qui sotto ne sono la prova).

singleimage

1) La tendinopatia non migliora con il riposo: il dolore può diminuire, ma il ritorno all’attività è spesso nuovamente doloroso perché il riposo non aumenta la tolleranza del tendine al carico.

2) Sebbene la tendinopatia coinvolga alcune cellule e sostanze biochimiche infiammatorie, non è considerata una risposta infiammatoria classica. Gli anti-infiammatori possono essere utili in caso di livelli di dolore molto elevati, ma non è chiaro quale effetto abbiano sulle cellule e sulla patologia vera e propria.

3) La tendinopatia può essere causata da diversi fattori di rischio. Il fattore principale è un cambiamento improvviso in alcune attività, tra cui 1) quelle che richiedono al tendine di immagazzinare energia (ad esempio camminare, correre, saltare) e 2) carichi che comprimono il tendine. Alcune persone sono predisposte a causa della biomeccanica (ad esempio, scarsa capacità muscolare o resistenza) o di fattori sistemici (ad esempio, età, menopausa, colesterolo elevato, maggiore suscettibilità al dolore, ecc). Le persone predisposte possono sviluppare dolore ai tendini anche con lievi cambiamenti nella loro attività.

4) L’esercizio fisico è il trattamento più efficace per la tendinopatia: i tendini devono essere caricati progressivamente in modo da sviluppare una maggiore tolleranza ai carichi che l’individuo deve sopportare nella vita quotidiana. Nella stragrande maggioranza dei casi (ma non in tutti) la tendinopatia non migliorerà senza questo stimolo vitale del carico.

5) La modifica del carico è importante per risolvere il dolore tendineo. Questo spesso comporta la riduzione (almeno a breve termine) del carico tendineo eccessivo che comporta accumulo di energia e compressione.

6) La patologia che compare sulla diagnostica per immagini NON è uguale al dolore: la patologia è comune nelle persone senza dolore. Inoltre, se vi è stato detto che avete una “patologia grave” o addirittura delle “lacerazioni”, non significa necessariamente che non migliorerete o che avrete un esito peggiore. Inoltre, sappiamo che anche con le migliori intenzioni di trattamento (esercizio fisico, iniezioni, ecc.) è improbabile che la patologia regredisca nella maggior parte dei casi. Pertanto, la maggior parte dei trattamenti è mirata al miglioramento del dolore e della funzione, piuttosto che alla guarigione dei tessuti, anche se questo aspetto è ancora da prendere in considerazione.

7) Raramente la tendinopatia migliora a lungo termine con i soli trattamenti passivi come il massaggio, gli ultrasuoni terapeutici, le iniezioni, la terapia con onde d’urto, ecc. L’esercizio fisico è spesso l’ingrediente fondamentale, mentre i trattamenti passivi sono solo un’aggiunta. In particolare, si dovrebbero evitare le iniezioni multiple, che spesso sono associate ad un risultato peggiore.

8) L’esercizio fisico deve essere individualizzato. Questo si basa sulla presentazione del dolore e della funzione dell’individuo. L’aumento del carico deve essere progressivo per consentire il ripristino dell’obiettivo funzionale nel rispetto del dolore.

9) La tendinopatia risponde molto lentamente all’esercizio. È necessario avere pazienza, assicurarsi che l’esercizio sia corretto e progredito in modo appropriato e cercare di resistere alla tentazione comune di accettare “scorciatoie” come iniezioni e interventi chirurgici. Spesso non esistono scorciatoie.

Si noti che questi sono principi generali e che ci sono casi in cui le aggiunte, comprese le iniezioni e la chirurgia, sono molto appropriate nella gestione della tendinopatia.

Per saperne di più sul trattamento ottimale della tendinopatia, consultate la Masterclass del Dr. Seth O’Neill sulla Gestione delle Tendinopatie dell’arto inferiore.

singleimage

L’immagine è tratta da questo articolo sulla tendinopatia rotulea di Peter Malliaras e altri.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul sito web del Dr. Peter Malliaras. Potete cliccare qui per leggere altri loro blog.

Vuoi saperne di più sulla tendinopatia?

Il Dr. Seth O’Neill ha creato per noi una serie di lezioni Masterclass su:

“Gestione della Tendinopatia dell’Arto Inferiore”

Puoi guardare la Masterclass GRATUITAMENTE con la nostra prova di 7 giorni!

preview image

References

Non dimenticarti di condividere questo blog!

Lascia un commento

Se hai una domanda, un suggerimento o un link inerente a qualche studio scientifico, condividilo qui!

Devi essere loggato per pubblicare o mettere "mi piace" ad un commento

Ricevi aggiornamenti quando pubblichiamo nuovi blog.

Iscriviti alla nostra newsletter ora!