La potenza dell’educazione nella gestione del dolore femoro-rotuleo

Lettura di 4 min. Postato in Ginocchio
Scritto da Claire Patella info

Aver lavorato esclusivamente con pazienti con problemi all’articolazione patellofemorale (PFJ) negli ultimi 15 anni mi ha reso sempre più consapevole dell’importanza dell’educazione e ho dedicato una proporzione crescente del mio tempo di consultazione all’educazione. Alcune persone potrebbero sostenere che dovrei dedicare questo tempo a ‘fare’ – fare esercizi, trattamenti manuali, taping, ecc. Questo blog spiegherà perché penso che la componente educativa sia la parte più importante della mia consultazione.

 

Se vuoi saperne di più sul dolore patellofemorale, assicurati di dare un’occhiata alla mia Masterclass, dove approfondisco la valutazione e trattamento di questa comune condizione muscoloscheletrica.

 

Continuiamo!

Il dolore dell’articolazione patellofemorale (PFJ) normalmente ha un esordio insidioso, cioè si insinua gradualmente nel paziente. Al contrario, quando una persona subisce un trauma, come una frattura ossea, di solito c’è una causa evidente e un percorso di eventi chiaro. L’insorgenza insidiosa lascia il paziente perplesso sul perché sia successo, soprattutto poiché spesso non c’è un evidente cambiamento nello stile di vita. Le ricerche sulle credenze riguardo la salute mostrano che le condizioni con un esordio insidioso sono più propense a causare un blocco psicologico nell’impegno con il trattamento rispetto a quelle con una causa evidente. Pertanto, noi clinici dobbiamo dedicare del tempo a spiegare le ragioni del dolore.

La confusione che i pazienti provano è spesso accentuata da una risonanza magnetica (MRI) normale. Come può essere che un’articolazione possa far male quando la risonanza è normale? Ancora una volta, dedicare del tempo a spiegare e a educare aiuterà il paziente a progredire e a impegnarsi nel trattamento.

La mia recente ricerca ha esaminato le credenze dei pazienti riguardo al rumore nelle loro ginocchia, cosa pensano significhi e come modificano il loro comportamento di conseguenza (1). I risultati dimostrano spesso credenze erronee e paurose che portano a evitare determinati compiti funzionali. Ecco un esempio perfetto della necessità di educare, di ripristinare credenze sulla salute appropriate e di interrompere il ciclo della paura evitativa.

Una gran parte del trattamento per i pazienti con dolore all’articolazione patellofemorale si basa sull’esercizio fisico. Anche nei pazienti più diligenti, è piuttosto impegnativo fare esercizi regolarmente per quello che può sembrare un periodo interminabile di settimane. La letteratura mostra chiaramente che le persone, in media, fanno meno di quanto richiesto, quindi dobbiamo fare del nostro meglio per aiutare il paziente a rimanere coinvolto nel proprio programma di esercizi. Come minimo, dovremmo educare il paziente sul perché dovrebbe fare un esercizio, cosa dovrebbe sentire durante e dopo (ad esempio, la sensazione di affaticamento o il dolore accettabile). Il paziente dovrebbe essere informato sugli obiettivi dell’esercizio e certamente sul tempo realistico necessario, in modo da non scoraggiarsi e smettere se non percepisce un cambiamento nel breve termine.

image

Molto del dolore all’articolazione patellofemorale (PFJ) è causato dal sovraccarico dell’articolazione senza un adeguato condizionamento. La modifica delle attività è una parte vitale dell’educazione. L’effetto yo-yo deve essere evitato a tutti i costi. È necessario stabilire una base di attività e poi puntare a piccoli incrementi di aumento dell’attività. L’educazione su questo punto è probabile che aiuti a evitare lo scenario in cui il paziente si sente meglio e quindi aumenta la sua attività in modo eccessivo tutto in una volta!

Infine, la maggior parte degli appuntamenti di fisioterapia dura mezz’ora. Il modo in cui il paziente si muove e quale calzature indossa per il resto della settimana avrà un effetto più profondo di qualsiasi cosa si possa fare in mezz’ora. Pertanto, l’educazione sul riaddestramento del movimento appropriato e sulle calzature deve avere la priorità, poiché questi elementi sono probabilmente destinati ad avere un impatto positivo.

Per concludere, la prossima volta che hai un paziente con dolore PFJ, quando lascia la tua clinica, chiediti:

Sanno la causa del loro dolore, quanto dovrebbero essere attivi, quale è il trattamento e perché, come dovrebbero sentirsi durante gli esercizi e quali sono gli obiettivi realistici con i relativi tempi?

Vuoi saperne di più da Claire Patella?

Claire ha creato per noi una Masterclass con focus su:

“Il Dolore Femoro Rotuleo”

Puoi guardarla ora con la nostra prova gratuita di 7 giorni!

preview image

Non dimenticarti di condividere questo blog!

Lascia un commento

Se hai una domanda, un suggerimento o un link inerente a qualche studio scientifico, condividilo qui!

Devi essere loggato per pubblicare o mettere "mi piace" ad un commento

Ricevi aggiornamenti quando pubblichiamo nuovi blog.

Iscriviti alla nostra newsletter ora!