Loading the Elevenlabs Text to Speech AudioNative Player...

Perché dobbiamo smettere di incolpare il Trasverso dell’Addome per il mal di schiena

Lettura di 4 min. Postato in Lombare
Scritto da Brendan Mouatt info

L’idea di indirizzare gli interventi verso la muscolatura profonda del Core come il Trasverso dell’Addome (TvA) e il Multifido è iniziata negli anni ’90 con il lavoro di Hodges e Richardson. Questi articoli (1) (2), hanno confrontato i tempi di attivazione del TvA e del Multifido nei soggetti che avevano lombalgia (LBP) da più di 18 mesi (con dolore lombare minimo o assente al momento del test) con controlli sani. Gli interventi richiedevano ai partecipanti di muovere la spalla o la gamba e sono stati misurati i tempi di attivazione del TvA e del Multifido utilizzando EMG con cavi di superficie e sono confrontati con i tempi della muscolatura dell’arto che veniva mosso. Quello che hanno scoperto è che i soggetti inclusi nel gruppo LBP avevano un’attivazione ritardata del TvA rispetto alla muscolatura deltoidea (nello studio dell’arto superiore) e quelli nel gruppo di controllo invece avevano un’attivazione anticipata. Questo fu l’inizio della fase degli esercizi di “controllo motorio” della prescrizione di esercizi correttivi. Un interessante articolo su questo lavoro è stato rilasciato dall’Università del Queensland e può essere letto QUI. Una citazione da questa intervista:

“Ha scoperto che un muscolo, il trasverso addominale, era probabilmente una delle cause principali del mal di schiena ricorrente.”
‘Questo muscolo è il muscolo più importante e più profondo dell’addome. Sembra e funziona come un corsetto per stabilizzare la schiena’, si diceva.

Quello che abbiamo preso (estrapolato) da questo lavoro è stato che il TvA era il muscolo stabilizzatore del tronco più importante da colpire nei soggetti con LBP. Che il rafforzamento di questi muscoli del Core profondo e il miglioramento del loro tempismo di attivazione avrebbero diminuito il LBP. E che quel mal di schiena era dovuto all’instabilità.

I primi lavori di Hodges e Richardson sono stati molto influenti nella direzione della ricerca sul LBP poiché, infatti, l’argomento del controllo motorio è stato studiato al punto che ora abbiamo 7 revisioni sistematiche. È interessante notare che 6 su 7 di queste revisioni sistematiche non hanno dimostrato alcun beneficio nella prescrizione di esercizi basati sul controllo motorio/TvA rispetto a quella di un semplice esercizio generale graduato (3)(4)(5)(6)(7); in una di queste revisioni si afferma che gli esercizi di controllo motorio hanno ottenuto risultati migliori, ma “a tutt’oggi non è noto se l’effetto degli MCE (esercizi di controllo motorio) sul dolore e sulla compromissione fisica nel LBP sia dovuto all’attivazione isolata della muscolatura locale o alle fasi successive dell’intervento che prevedono posture in carico che impegnano tutti i muscoli del tronco”(8). Un’altra revisione sistematica ha concluso: “Esiste una forte evidenza che gli esercizi di stabilizzazione non siano più efficaci di qualsiasi altra forma di esercizio attivo a lungo termine… è improbabile che ulteriori ricerche alterino considerevolmente questa conclusione”. (9) Non si ottiene molto di più conclusivo rispetto a quello che c’è nella letteratura scientifica. Inoltre, nessuno studio che io sappia ha mai dimostrato che il LBP sia dovuto all’instabilità vertebrale.

Questo primo lavoro di Hodges, Richardson e Jull fu rapidamente adottato dalla comunità di Pilates (qualcosa che Joseph Pilates non aveva mai menzionato nel suo lavoro di Contrology), era stato adottato dalla più ampia comunità dei fisioterapisti e della salute e noi lo stavamo valutando in tutti i tipi di modi come facevamo per gli ultrasuoni e la palpazione. Sfortunatamente, nonostante la letteratura non supporti più questa teoria, continuiamo a diffamare questi muscoli e diciamo ai pazienti con LBP che hanno debolezza, instabilità o qualche altra terribile narrativa che molto probabilmente non è evidenziata. Ancora più deludente, non mancano ancora i corsi di formazione che continuano ad insegnare questo approccio al LBP.

Sebbene questa strategia possa essere utile, anche se non migliore dell’esercizio fisico generale graduato, sappiamo che il LBP è associato ad altre comorbidità, come l’obesità e la salute mentale (10). Se potessimo scegliere di guidare una persona nell’esercizio fisico, non sarebbe più sensato optare per un’attività che le piaccia e che porti benefici in questi altri ambiti, piuttosto che farle provare a sentire un muscolo profondo in un movimento a basso carico, alimentando ulteriormente le sue convinzioni di vulnerabilità? Infine, una bella rassegna dettagliata di altre ricerche sul Core (11) (che vale la pena di leggere), arriva persino a consigliare che coloro che sono stati addestrati a infossare/mettere in tensione questi muscoli dovrebbero essere scoraggiati dall’utilizzarli, in quanto ciò potrebbe creare schemi di movimento aberranti e stress indebito per l’individuo.

Questo è stato originariamente pubblicato sul sito web di Brendan Mouatt. Puoi fare clic qui per leggere altri blog da loro.

Vuoi imparare di più sugli esercizi di riabilitazione?

Sam Blanchard ha fatto una Masterclass per noi intitolata:

“Il ragionamento clinico in riabilitazione”

Adesso puoi provare le masterclass gratuitamente con la nostra prova gratuita di 7 giorni!

preview image

References

Non dimenticarti di condividere questo blog!

Lascia un commento

Se hai una domanda, un suggerimento o un link inerente a qualche studio scientifico, condividilo qui!

Devi essere loggato per pubblicare o mettere "mi piace" ad un commento

Ricevi aggiornamenti quando pubblichiamo nuovi blog.

Iscriviti alla nostra newsletter ora!