Loading the Elevenlabs Text to Speech AudioNative Player...

Quello che sappiamo sull’allenamento con restrizione del flusso sanguigno

Lettura di 7 min. Postato in Prescrizione di esercizi
Scritto da The Prehab Guys info

La “restrizione del flusso sanguigno” è un’espressione di cui i fisioterapisti sono diventati sempre più consapevoli nell’ultimo decennio, e per motivi più che legittimi. Esistono oltre mille ricerche che studiano la sicurezza e l’efficacia dell’allenamento con restrizione del flusso sanguigno (BFRT) nell’ambito della riabilitazione fisica e delle prestazioni sportive. Alcuni si aspettano che il BFRT possa integrare il modo in cui trattiamo regolarmente alcune patologie muscoloscheletriche e cambiare i protocolli di riabilitazione post-operatoria. Ci sono altri che ancora mettono in dubbio questo metodo o che non l’hanno mai conosciuto. L’obiettivo di questo articolo è fare luce su cosa sia il BFRT, sui diversi modi di applicarlo e, soprattutto, su come utilizzarlo in modo sicuro.

Definizione di BFRT

Il BFRT, introdotto da Yoshiaki Sato con il nome di allenamento Kaatsu, consiste nell’occlusione breve e intermittente del flusso sanguigno arterioso e venoso mediante un laccio emostatico durante il riposo o l’allenamento. Grazie a questa tecnica, è possibile allenarsi con un peso significativamente inferiore (20-30% di 1RM) e ottenere comunque un aumento significativo delle dimensioni e della forza muscolare.1, 2 Il BFRT ha aperto una finestra di opportunità per mitigare al meglio gli effetti negativi di lesioni e interventi chirurgici durante specifiche fasi di riabilitazione.

Il dilemma attuale del fisioterapista: l’atrofia

Come fisioterapista, può essere estremamente impegnativo combattere una delle principali conseguenze negative di infortuni e/o interventi chirurgici, l’atrofia muscolare. Ciò è particolarmente vero quando i pazienti non sono in grado di tollerare gli sforzi necessari per stimolare la crescita muscolare. Ciò può essere dovuto al dolore, alla scarsa capacità dei tessuti, alle precauzioni relative ai pesi e ai carichi o semplicemente al fatto che una persona non riesca a tollerare lo sforzo e la fatica associati ad un’intensità di esercizio moderata o elevata. Se solo ci fosse un modo per sollecitare adeguatamente i pazienti in modo sicuro con carichi submassimali…

single-image

Una soluzione valida: il BFRT

Ciò che sappiamo dalla fisiologia della crescita muscolare è che per stimolare l’ipertrofia muscolare è necessario indurre un numero sufficiente di stimoli meccanici O metabolici.3 Si pensi agli stimoli meccanici come al carico esterno, quindi il sollevamento di un carico pesante aumenterebbe la tensione meccanica rispetto ad un peso leggero. Per stimoli metabolici si intende l’intensità del lavoro del muscolo, quindi lo sprint aumenterebbe lo stress metabolico rispetto alla camminata. È dimostrato che in genere occorrono almeno 12-16 settimane di lavoro al 60-80% di 1RM per indurre l’ipertrofia muscolare.4 Tuttavia, l’ipertrofia muscolare può essere raggiunta anche lavorando a carichi inferiori (30-50% dell’1RM) fino al cedimento. È la relazione tra stimoli meccanici e metabolici che può spiegare questo fenomeno: lo stress metabolico può compensare la bassa tensione meccanica per indurre comunque un aumento muscolare positivo.

Come si inserisce il BFRT in questa equazione? Anche se i meccanismi non sono del tutto chiari e non siamo certi dell’ordine cronologico, sappiamo che il BFRT eseguito alla giusta dose porti ad un aumento delle dimensioni e della forza muscolare. La semplice applicazione di un laccio emostatico su un arto e l’occlusione di una percentuale dell’afflusso arterioso e del deflusso venoso inducono uno stress metabolico. L’esecuzione del BFRT con un dispositivo appropriato, di cui parleremo più avanti, crea un ambiente anaerobico nell’arto a causa della diminuzione dell’apporto di ossigeno. Quando il BFRT viene eseguito con un esercizio di basso livello, o anche a riposo, segnala adattamenti locali e sistemici che sono benefici per il sistema muscolo-scheletrico.

Quali sono le diverse applicazioni del BFRT?

È importante notare che il BFRT non cambia nulla di ciò che facciamo come fisioterapisti, ma aumenta solo i risultati desiderati dai pazienti. Questa è una delle prime affermazioni che faccio sul BFRT quando lo presento a qualcuno, soprattutto a un fisioterapista! Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a riprendersi da un infortunio o da un intervento chirurgico, a muoversi meglio, a ottenere prestazioni migliori e a dimetterli ad un livello maggiore di funzionalità. Questo non cambierà di certo. Tuttavia, il modo in cui raggiungiamo i risultati desiderati e la quantità di tempo necessaria possono essere influenzati dal BFRT. Questo è particolarmente vero quando alcuni dei nostri pazienti riescono a tollerare solo carichi molto bassi e intensità che sappiamo non li impegnano abbastanza.

L’aspetto sorprendente di questa tecnica è che può essere utile in tutto il percorso di cura. Che la si utilizzi prima di un intervento chirurgico, subito dopo un intervento o un infortunio, durante le fasi di riabilitazione e persino nel campo della prestazione e del recupero, il BFRT può essere utile! Esistono prove a sostegno del fatto che l’esecuzione del BFRT con un allenamento di forza a basso carico (20-50% 1RM) possa portare ad un aumento delle dimensioni e della forza muscolare.1, 5 Le evidenze suggeriscono anche che il BFRT può migliorare la salute delle ossa,5 migliorare la salute cardiovascolare, compreso il VO2 max,6 e può persino migliorare l’attivazione, la perfusione e l’endurance muscolare dopo interventi chirurgici come la ricostruzione del legamento crociato anteriore.7

Il BFRT è sicuro?

La sicurezza prima di tutto! Questa tecnica non è adatta a tutti dal punto di vista della tolleranza e della sicurezza. Tutte le prime ricerche sul BFRT si sono concentrate sulla sicurezza a causa delle preoccupazioni relative a potenziali coaguli di sangue, danni muscolari, pressione sanguigna, ecc… Quindi cosa dice la ricerca?

“La letteratura scientifica sembra indicare che una prescrizione adeguata di BFRT presenta un rischio minimo di provocare direttamente una trombo-embolia venosa (TEV)”8.

Abbiamo anche scoperto che i lacci emostatici da soli non rappresentano un rischio di coagulazione. Un altro studio ha rilevato che i lacci emostatici aumentano effettivamente i livelli di antigene tPA (un enzima fibrinolitico che rompe i coaguli) subito dopo il BFRT.9 La ricerca suggerisce inoltre che, per evitare potenziali rischi legati al laccio emostatico, come lesioni del tessuto nervoso, rottura della pelle e dolore, il BFRT deve essere applicato con manicotti più larghi, a pressioni più basse e per durate specifiche (non più di 20 minuti).

Per ulteriori informazioni sulle controindicazioni al BFRT, consultare la tabella in fondo a questo articolo. Una rapida regola empirica è che se la persona non ha una di queste controindicazioni e può tollerare un esercizio di forza ad alta intensità, probabilmente potrà tollerare il BFRT. Tuttavia, è importante informarsi e ottenere la certificazione BFRT. Sul mercato esistono solo due dispositivi medici per il BFRT, classificati dalla FDA (U.S. Food and Drug Administration), che garantiscono ulteriormente la sicurezza (Smart Cuffs e la Delfi unit). Si consiglia di svolgere il BFRT solo con uno di questi dispositivi, in quanto consente un BFRT personalizzato. Il BFRT personalizzato è possibile quando viene misurata la cosiddetta pressione di occlusione dell’arto (LOP – limb occlusion pressure). Si tratta della pressione minima necessaria per occludere sufficientemente le arterie profonde e le vene superficiali. La LOP può variare da individuo a individuo, anche da lato a lato. È indispensabile eseguire il BFRT a percentuali specifiche di LOP (fino al 50% dell’arto superiore e all’80% dell’arto inferiore) per ottenere i guadagni osservati nella ricerca. Questo è possibile solo con lacci emostatici BFR progettati per occludere percentuali di arterie e vene.

Riflessioni conclusive

Il BFRT non è adatto a tutti, tuttavia è una tecnica che sta rapidamente guadagnando popolarità nel mondo della riabilitazione. È importante che tutti i fisioterapisti si tengano aggiornati sulle nuove tecniche, in modo da poter educare i propri pazienti in caso di domande. Ma soprattutto, se esiste una tecnica sicura, supportata dalla ricerca, che può aumentare i risultati dei pazienti, è bene fornirla ai nostri pazienti quando è opportuno.

Volete saperne di più su questo metodo di allenamento?

Il dottor Luke Hughes ha organizzato per noi una serie di lezioni Masterclass su:

“Allenamento con restrizione del flusso sanguigno”.

Potete provare la Masterclass GRATUITAMENTE con la nostra prova di 7 giorni!

preview image

References

Non dimenticarti di condividere questo blog!

Lascia un commento

Se hai una domanda, un suggerimento o un link inerente a qualche studio scientifico, condividilo qui!

Devi essere loggato per pubblicare o mettere "mi piace" ad un commento

Ricevi aggiornamenti quando pubblichiamo nuovi blog.

Iscriviti alla nostra newsletter ora!